Ex croupier del casinò riceve $185.000

È andata a buon fine la causa di un'ex croupier contro il Casinò Canberra. La donna ha ricevuto un risarcimento di oltre $185.000 dopo aver presentato causa al tribunale. La donna aveva ricevuto una denuncia di negligenza a seguito di un episodio avvenuto a marzo 2008 quando un uomo sottrasse una manciata di fiches del valore di $100 mentre la croupier stava contando il blackjack float.

Il trauma successivo

Casino Canberra signIl ricorrente intentò una causa per negligenza a seguito della lite a giugno 2008 e la rapina avvenuta tre mesi prima lasciò la donna in uno stato di psicosi maniaco depressiva con tendenze suicide.

Nel corso di un'udienza a giugno dello scorso anno, l'ex dipendente dichiarò che l'uomo era fuggito dalla scena senza alcun intervento da parte della sicurezza per fermarlo, sebbene i difensori del casinò sostenessero che l'uomo si fosse semplicemente alzato dal tavolo.

Prove registrate

I filmati riprodotti in tribunale mostravano l'uomo scortato fuori dal casinò a forza da tre guardie di sicurezza.

Due giorni dopo, la dipendente è stata ricoverata in una clinica di psichiatria privata con pensieri suicidi.

Nella condizione di tornare a lavorare

Un successivo referto medico l’ha dichiarata nuovamente nella condizione di tornare a lavorare come dealer ai tavoli di PaiGow. La donna aveva detto al tribunale che si sarebbe sentita più a proprio agio tra i giocatori regolari del casinò del gioco d'azzardo cinese, anziché ai tavoli più chiassosi di ventuno o blackjack a basse puntate.

Ma, tornata a lavoro a giugno, è stata messa di turno come ispettrice ai tavoli di blackjack, ventuno e poker.

I casi di furti di fiches sembrano verificarsi con maggior frequenza ai tavoli di blackjack. Di recente, un uomo ha sottratto $1.6 milioni da un Casinò di Las Vegas.