L'Italia non può bloccare gioco d'azzardo online

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea (CGUE) ha emesso una decisione preliminare che prevede che l'Italia non possa bloccare in modo legale i siti Web di gioco d'azzardo online che provengono dal di fuori del paese. Negli ultimi anni l'Italia ha bloccato una vasta quantità di siti Web, che si sono rivelati illegali in base alla legislazione UE.

Blacklist

Bandiera Italiana ed EuropeaNel 2006, l'Italia ha bloccato circa 684 siti di gioco registrati a Malta dall'Italia. Il governo ha poi bloccato tutti i siti di gioco stranieri dal Regno Unito a Malta, sostenendo che avessero la funzione di proteggere i giocatori italiani dal reato di frode.

I critici non sono d'accordo, affermando che il paese stava semplicemente tentando di proteggere il proprio monopolio di gioco d'azzardo del valore di €2 miliardi.

Contro la legge UE

La CGUE ha deciso che la restrizione da parte degli Stati Membri UE dei mercati del gioco d'azzardo nazionali per favorire l'interesse economico, se incombenti sugli operatori licenziati in altri Stati Membri, è contro la legge UE. Questa legge conferma i principi dell'UE della libertà di stabilimento e della libertà di fornire servizi nei riguardi del gioco d'azzardo crossfrontaliero.